diadebolivia.it
ringraziamento all'onorevole Rosy Bindi

Di seguito il testo della lettera che il ministro Rosy Bindi ha inviato in Bolivia alle coppie bloccate.

Il Ministro delle Politiche per la Famiglia

Roma 24 agosto 2007

In risposta ai vostri preoccupati messaggi concernenti il rimpatrio in Italia delle famiglie Bellamoli-Bologna e Ortalda e dei loro figli Fabio e Daniela, ho subito attivato la nostra Ambasciata a La Paz per accelerare l’iter con le Autorità boliviane competenti.
L’Incaricato d’Affari Matteo Romitelli, che già nei giorni scorsi aveva seguito da vicino la questione, si è subito attivato mettendo a disposizione l’Ambasciata e prendendo a tale riguardo contatto diretto con la Viceministra de genero y asuntos generacionales Evelin Agreda Rodriguéz, con la quale peraltro l’Ambasciata non mancherà di mantenere anche per il futuro le migliori relazioni .
La nostra Ambasciata ha contattato le coppie italiane che hanno assicurato di star bene ma ovviamente preoccupate e stanche per la situazione incerta e difficile, così pure tenendosi strettamente in contatto con gli Enti italiani “Amici trentini” e “AiBi”.
Sono lieta di comunicarvi che, a tale riguardo, si è potuto, in via eccezionale, giungere ad una rapida soluzione della questione.
Sulla base della documentazione in possesso della Commissione per le Adozioni Internazionali, abbiamo potuto constatare l’esistenza di tutti i requisiti necessari per l’adozione dei bimbi in questione e, superando in via eccezionale, il rilascio previo previsto dalla normativa della “documentazione di conformità” che giungerebbe successivamente, ho disposto il rilascio dell’autorizzazione all'ingresso e alla residenza permanente del minore e richiesto all’Ambasciata a La Paz di emettere il visto per adozione con procedura d’urgenza.
Mi è stato assicurato che la cancelleria consolare dell’Ambasciata, ove necessario, resterà aperta anche durante il fine-settimana per velocizzare al massimo le formalità.
Mi auguro che, superata questa vicenda burocratica, inizi ora un periodo di gioia e serenità dei bambini e dei loro genitori !

Con i miei più cordiali saluti, Rosy Bindi

Di seguito la lettera di ringraziamento, che è doveroso inviare al ministro agli indirizzi sotto indicati

segreteriaminbindi@governo.it
a.fabi@governo.it
m.acciarini@palazzochigi.it
cai.segreteria-enti@palazzochigi.it
info@scelgorosy.it

Ognuno può personalizzarla, o magari riscriverla di sana pianta.

Gentilissimo Ministro
Grazie.
E' stato con non poca gioia, mista ad una buona dose di sorpresa, che abbiamo accolto il Suo così rapido interessamento alla vicenda delle famiglie adottive bloccate in Bolivia senza speranza di rientrare in tempi brevi in patria.
Gli iter adottivi, come Lei ben sa, sono già fin troppo onerosi per le famiglie, senza che ci si metta anche la sfortuna a complicare le cose.
I paesi dove noi raccogliamo i nostri figli, si sa, sono a volte affetti da problemi politici che si aggiungono al carico di sventure che già gravano sul vissuto di questi bambini. Noi viaggiamo in questi paesi, armati del nostro amore per questi visi, e con un carico di documenti che a volte è costato risorse che ci mettono alla prova in modo sfibrante.
In tutta questa avventura che è l'adozione internazionale, sapere che in uno dei punti chiave più importanti per la vicenda c'è un team di persone che all'occorrenza presta orecchio ai tuoi problemi e si attiva per cercare di risolverli, beh, è senza dubbio di gran consolazione. E di grande aiuto.
Grazie quindi a Lei e ai suoi collaboratori per l'aiuto che ci avete dato e certi di avere un Ministro, come si diceva nell'appello per le famiglie bloccate, di grande sensibilità, Le porgiamo
Affettuosi saluti
Firma