Home
 
 
 
Così venisti al mondo
da tanti luoghi vieni,
dall'acqua e dalla terra,
dal fuoco e dalla neve,
da così lungi cammini
verso noi due,
dall'amore terribile
che ci ha incatenati,
che vogliamo sapere
come sei, che ci dici,
perchè tu sai più
del mondo che ti demmo.
Pablo Neruda
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
Progetto piccoli angeli
Aibi - La Paz - Cochabamba

Dal Sito di AiBi:

Amici dei Bambini opera in Bolivia con il progetto di cooperazione internazionale “Piccoli angeli”.

Siamo presenti in due diverse aree: La Paz-El Alto e Cochabamba, per cercare di cambiare il destino di centinaia di bambini senza famiglia.

Amici dei Bambini è presente in Bolivia fin dal 1997, con interventi di prevenzione dell’abbandono minorile e de-istituzionalizzazione dei minori ospiti delle strutture.

Siamo attivi in cinque istituti concentrati nelle areee di La Paz-El Alto e Cochabamba.

Accompagnamo più di 400 piccoli angeli lungo il cammino verso l’amore di una famiglia.

Gli obiettivi del progetto
La nostra associazione opera per migliorare le condizioni materiali di vita dei bambini in istituto attraverso interventi di emergenza per rispondere ai bisogni di prima necessità: distribuzione di materassi, lettini, coperte, culle, fornitura di materiale scolastico e opere di ristrutturazione degli edifici in cui sono ospitati.

Promuoviamo il recupero delle relazioni familiari disgregate, la risocializzazione e lo sviluppo della personalità dei bambini tramite percorsi educativi, momenti di socializzazione e attività ricreative.

Per i minori senza possibilità di rientro in famiglia elaboriamo progetti personalizzati mirati a un inserimento in una nuova famiglia affidataria o adottiva.

Il link ufficiale: http://www.aibi.it/ita/progetti/aibi-mondo/bolivia/


Josè ha raggiunto il suo traguardo

(Potosì) Josè è un adolescente di 14 anni che ha trascorso quasi tutta la vita in un istituto della città di Potosì. E’ stato abbandonato dalla madre quando aveva solo due anni.

La sua storia è simile a quella di tanti altri adolescenti senza famiglia, ma oltre al trauma dell’abbandono Josè ha dovuto affrontare anche problemi di salute. E’ nato con una grave malformazione all’orecchio sinistro che ha determinato gravi problemi di udito e il rifiuto dei compagni dell’istituto.

Grazie all’aiuto di un sostenitore, lo scorso anno Josè è stato sottoposto ad un primo intervento di ricostruzione della cartilagine. Adesso però è necessario un secondo intervento, molto delicato, per permettere al ragazzo di tornare a sentire. Grazie a un’iniziativa di raccolta fondi del Punto Ai.Bi. di Roè Volciano (Brescia) sono stati raccolti 1400 euro per il delicato intervento.
La famiglia Poggiato, referente del Gruppo familiare locale di Brescia, ha organizzato nella città lombarda un evento in occasione della Festa della Mamma con il coinvolgimento dell’intero Gruppo, il cui ricavato sarà interamente destinato all’intervento di Josè.

Solo così Josè potrà tornare a sorridere.